…ET CUM LIBELLIS LOQUOR. LE COLLEZIONI BOTANICHE DEL SEMINARIO

LOCANDINA_definitivaRID

Domani mattina, alle ore 10.30, presso il Museo di Storia Nataurale di Cremona, sarà inaugurata la mostra “Et cum libellis loquor. In dialogo con la natura” promossa dalla nostra Biblioteca in collaborazione con l’Associazione “Amici BiMu” e con la conservatrice del Museo, dottoressa Cinzia Galli.

Le collezioni botaniche del Seminario Vescovile saranno in mostra a partire dal giorno di Santa Lucia, 13 dicembre 2014, fino al 18 gennaio 2015 nell’ambito del tradizionale appuntamento ‘Spazio aperto nel museo. Patrimoni condivisi…’, momento in cui il Museo di Storia Naturale ospita collezioni di altre istituzioni scientifiche del nostro territorio.

Venerdì 12 ci sarà un’anteprima per le classi del nostro Liceo Vida, per gli utenti della Biblioteca, i nostri soci BiMu e tutti i curiosi che vorranno scoprire il percorso proposto legato alla storia della Biblioteca, delle collezioni del Semianrio Vescovile di Cremona e dell’educazione in esso profusa.

Fin dal momento della sua fondazione, avvenuta alla fine del XVI secolo, in Seminario si prestò particolare cura all’istruzione dei futuri sacerdoti. Per quasi due secoli essa venne affidata ai Gesuiti, chiamati dal vescovo Speciano a fondare un Collegio in città.

Dopo la soppressione dell’ordine e con la riapertura del Seminario dopo la parentesi pavese, voluta da Giuseppe II d’Austria, nei primi anni del XIX secolo venne promossa una riorganizzazione didattica e strutturale. La sede storica, collocata presso la chiesa di Santa Margherita, fu ampliata per volontà del vescovo Omobono Offredi che promosse anche l’accrescimento della Biblioteca e la fondazione di un “gabinetto fisico” come complemento alle lezioni di storia naturale. Inaugurato solennemente nel 1828, il laboratorio comprendeva, oltre a strumenti scientifici, una collezione mineralogica, una ornitologica e diversi animali tassidermizzati. Nel corso del tempo le collezioni si arricchirono progressivamente grazie a donazioni ed acquisti che hanno portato all’assetto attuale.

Originato a scopo puramente didattico, il “gabinetto di storia naturale”, caduto in disuso nel corso del tempo a causa delle mutate esigenze, rappresenta oggi una testimonianza che si lega alla storia del Seminario e dell’educazione in esso profusa che includeva materie quali la fisica sperimentale, la storia naturale, la botanica e l’agraria.

Il percorso della mostra si snoda nel tempo attraverso una selezione di volumi a tema botanico, stampati tra il XVI al XVIII secolo, conservati nel fondo antico della Biblioteca del Seminario a cui fanno da corollario una curiosa raccolta di modelli micologici in cera, realizzati dal milanese Ignazio Pizzagalli nel 1825, ed una collezione di erbari legati a libro e in carte sciolte, con campioni raccolti tra la prima metà e la fine del XIX secolo.

PER INFORMAZIONI:
Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona – tel. 0372458289
Museo di Storia Naturale – tel. 0372407768

biblio.seminario@gmail.com
museo.storianaturale@comune.cremona.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...